OLIMPIADI DI MATEMATICA - FINALI NAZIONALI 2019

Il Marconi è Vicecampione d'Italia a squadre categoria Biennio.

Nelle gare individuali 1 Oro 2 Argenti 2 Bronzi

foto tutti 1

Il Marconi, una realtà ormai consolidata tra le scuole superiori italiane nell’ambito della matematica agonistica, anche quest’anno ha incamerato alcuni importanti allori nelle varie finali nazionali delle Olimpiadi di Matematica che si sono tenute da venerdì scorso a martedì con in palio il titolo assoluto a squadre, il titolo femminile a squadre, il titolo del biennio a squadre e la gara individuale. Ma andiamo con ordine …

FINALE NAZIONALE INDIVIDUALE

La mattina di venerdì 3 maggio si è svolta la finale nazionale individuale delle Olimpiadi della Matematica riservata a tutti i ragazzi delle scuole medie superiori italiane. Nell’ambito dei 300 finalisti, selezionati con numerose gare precedenti, il Marconi era rappresentato da ben 5 ragazzi: Giorgia Benassi (quinta), Alessandro Tedeschi (quarta), Fabio Bordigoni (terza), Luca Raffo (terza), Avio Baccioli (seconda). Sottolineiamo che solo altre due scuole, il Volta di Milano ed il Galileo-Ferraris di Torino, vantavano una rappresentanza altrettanto numerosa. Domenica mattina è stata resa nota la classifica generale e l’attribuzione delle medaglie. Trionfo per Giorgia, già selezionata nella nazionale italiana, che anche quest’anno porta a casa una meritatissima medaglia d’oro. Grande risultato anche per Alessandro e Avio che si mettono al collo entrambi una bella medaglia d’argento (con il primo in particolare che ha visto sfumare l’oro per un solo punto). Ed infine buon risultato sia per Fabio che per Luca entrambi vincitori di una medaglia di bronzo.

FINALE NAZIONALE A SQUADRE (CATEGORIA ASSOLUTA)

120 le squadre ammesse alle semifinali in rappresentanza di 120 scuole diverse. Il Marconi si presenta alle semifinali del venerdì pomeriggio con: capitana Giorgia Benassi (quinta), consegnatore Pietro Pianini (quarta), Alessandro Tedeschi (quarta), Fabio Bordigoni (terza), Luca Raffo (terza), Avio Baccioli (seconda), Arianna Domenichelli (seconda), riserve Francesco Menconi (quinta) e Federico Nicolai (terza). Il Marconi, pur con cinque dei suoi componenti affaticati per la gara individuale della mattina (durata 4.5 ore), conquista la prima posizione davanti al Galileo Ferraris di Torino e al Copernico di Brescia, due tra le squadre migliori italiane, grazie a un finale di gara in crescendo wagneriano dopo una partenza decisamente faticosa. La finale prende il via nella mattina seguente di sabato ed i giovani del Marconi pur mantenendosi sempre in buona posizione non riescono questa volta a tenere il passo imposto a metà gara dal Volta di Milano e dal Galileo Ferraris di Torino che terminano meritatamente primi e secondi con distacco sul gruppetto delle inseguitrici tra cui i nostri ragazzi che concludono la loro fatica in sesta posizione … esattamente come lo scorso anno.

FINALE NAZIONALE A SQUADRE FEMMINILE

E nel pomeriggio di sabato va in scena la finale nazionale femminile, dopo la selezione che era stata fatta in gare interregionali tenutesi lo scorso gennaio. Il Marconi si allinea ai nastri di partenza con: capitana ovviamente Giorgia, consegnatrice Cecilia Tromboni (quinta), Marina Donati (quinta), Asia Innocenti (quinta), Sofia Tonazzini (quarta), Elisa Sabadini (terza) ed infine ancora Arianna Domenichelli (seconda), reduce assieme a Giorgia dalla faticosa finale assoluta del mattino. Riserve Olga Massa (terza) e Tizziana Vulpe (seconda). Scelta coraggiosa ad inizio gara della capitana del Marconi che sceglie come problema jolly il 24, il problema più difficile in assoluto della gara. Attorno a quel problema si giocheranno la loro sorte le apuane. Il Marconi sarà l’unica squadra a tentare per due volte la soluzione del famigerato problema 24, purtroppo senza successo, lasciando così campo aperto alle concorrenti di vertice che avevano invece optato per soluzioni meno rischiose. Alla fine della gara le nostre ragazze si ritroveranno al settimo posto in classifica contro le migliori 21 squadre italiane, buon risultato in termini assoluti, ma che lascia un po’ di amaro in bocca alle nostre giovani che erano partite decise a giocare per vincere.

FINALE NAZIONALE A SQUADRE BIENNIO

Organizzata dal Kangourou della Matematica, lunedì 6 e martedì 7 maggio prendono il via le semifinali e la finale nazionale a squadre riservata a ragazzi del primo biennio delle scuole medie superiori italiane. Partecipano 48 scuole che erano state selezionate attraverso molteplici canali. Il Marconi grazie all’essere il campione italiano uscente, era stato autorizzato a presentarsi ai nastri di partenza con 2 squadre. Il Marconi quindi scende in campo con la prima squadra composta da: capitano Avio Baccioli, consegnatore Tizziana Vulpe, la solita Arianna, Niccolò Benassi, Tommaso Coppelli, Giacomo Manfredini e Sebastian Furlan. Mentre la seconda squadra si siede al tavolo con: capitano Gregorio Innocenti, consegnatore Nicola Cavalieri, Matteo Masetti, Leonardo Martini, Anna Passani, Giulia Pe e Cherif Rym. Riserva unica per entrambe le squadre Niccolò Consigli.

La semifinale del Marconi è la prima del lunedì e vede la vittoria indiscussa della prima squadra che termina tutti i problemi proposti con netto anticipo sul tempo concesso (60 minuti contro i 90 previsti), mentre la seconda squadra non riesce a qualificarsi per la finale.

Martedì va in scena la finale e fin da subito è chiaro che si parla di un testa a testa tra due squadre, il Marconi di Carrara ed il Galilei di Catania, vincitore della seconda semifinale il giorno precedente e che annovera tra i suoi ranghi uno degli astri nascenti nazionali. Lotta all’ultimo problema, con problemi che stavolta raggiungono difficoltà decisamente notevoli mettendo in crisi tutte le squadre presenti. Le due squadre antagoniste entrano negli ultimi 3 minuti di gara dove viene oscurata la classifica (e dove quindi non si vede più cosa sta facendo l’avversario) con il Marconi avanti di 49 punti (788 contro 749), un paio di consegne “al buio” di entrambe le squadre sui problemi rimasti aperti e al fotofinish sorpasso a sorpresa dei siciliani che vincono di soli 20 punti. Il Marconi è vicecampione d’Italia con poco da recriminare contro una squadra guidata da un fortissimo. E a rimarcare l’accaduto al termine della gara la giuria, a sorpresa, sentenzia che, vista la sostanziale parità tra le due squadre di vertice, entrambe, e non solo la prima come da regolamento, verranno ammesse d’ufficio alla finale nazionale del prossimo anno.

NOTA FINALE

La Prof.ssa Marta Castagna, Dirigente Scolastico del Liceo Marconi, si congratula con tutti i suoi ragazzi che ancora una volta han dimostrato di essere al vertice della matematica italiana, ringraziando inoltre le due società sponsor dei MathGuys del Marconi: la Benassi Service e la Ambiente S.p.A.

Joomla templates by a4joomla